Cosa faccio

Scrivo, traduco, racconto. Non necessariamente in quest’ordine. E quando posso, vado in Giappone.

Sono addetta culturale e alla comunicazione per la Japan Foundation in Italia, e dal 2011 divulgo il mio Giappone su questo sito, e anche sui miei canali social (mi trovi su Facebook, Instagram e Twitter).

Mi piace conoscere altre persone appassionate di Giappone come me, e accetto sempre di buon grado collaborazioni con altri siti o testate con cui condivido la stessa passione e intenti; se ti va di fare una chiacchierata e collaborare, scrivimi.

 

Progetti e collaborazioni

Cerco di riassumere brevemente quello che faccio online (ma anche offline) dal 2011.

Progetti di scrittura e rubriche

  • Sul blog trovi una ricca sezione dedicata alla lingua giapponese, e in particolare la rubrica Giapponese in pillole, con tante curiosità e modi di dire.
  • Ad agosto 2020 è nato il mio progetto Tokyo letteraria: percorsi letterari nella metropoli tentacolare.
  • Dal 2021 nasce il magazine di Tradurre il Giappone, con articoli dedicati a eventi culturali, ricette e rubriche di cucina. Seguimi anche di là per tutti gli aggiornamenti!

Social Media 

Da agosto 2016 coordino insieme a un gruppo di blogger appassionato di Giappone #LibroGiappone, primo social bookclub interamente dedicato al Giappone. L’iniziativa è nata come collettivo al femminile per promuovere in rete e sui social la letteratura giapponese: insieme a me, fanno parte del progetto Michela De Pellegrin, Anna Lisa Somma, Stefania Da Pont e Nicoletta Sala.

In questi anni abbiamo:

  • Letto oltre 20 tra libri e manga di recente pubblicazione
  • Abbiamo raggiunto oltre i mille commenti e condivisioni sui principali canali social
  • Collaborato con diverse case editrici

#Sakurandom, iniziativa nata nel 2013 da un gruppo di blogger per condividere su blog e social network immagini, post, pensieri legati alla fioritura del sakura e alla tradizionale usanza giapponese dello hanami, utilizzando l’hashtag #sakurandom.
Edizioni:

2013

2014

2015 (blog e Storify)

2016


Scrittura per il web

Dal 2012 scrivo anche su altri siti e testate: mi occupo di articoli di viaggio, culturali e linguistici. Per saperne di più, puoi consultare il mio portfolio.


Traduzioni

Editoria:

  • Fiabe di letto, di Mori Yoko. Lindau (in uscita 11 novembre 2021)
  • Kiki’s delivery service. I nuovi incantesimi di Kiki, di Eiko Kadono. Kappa Edizioni (2019)
  • La voce di Kurihara Sadako. Ciliegi di Hiroshima e poetica della bomba atomica (curatela). Aracne Editrice (2019)

Altre collaborazioni:

  • Collaborazione con WTC World Translation Centre (2013-2017)
  • Collaborazione con Transatlantic Translations (2011-2013)
  • Collaborazione con Link Japan, società coordinamento TV emittenti giapponesi – traduzioni, ricerca (2009)

Rassegna Stampa

La mia intervista su Biblioteca Giapponese

La mia intervista sul viaggiare in Giappone su Sognando il Giappone.com

La mia intervista su viaggi e Giappone su Rolling Pandas

La mia intervista per NipPop: La voce di Kurihara Sadako

La mia intervista per il Chūgoku Shinbun, quotidiano di Hiroshima, su La voce di Kurihara Sadako.

7 Comments
  1. Abbiamo lo stesso nome e la stessa passione, nonché siamo della stessa città: spero di seguire le tue orme. Per ora ho appena finito la triennale e sto meditando accuratamente su come proseguire i miei studi (però ho già 26 anni. quindi, ahimè, non sono giovanissimo. Cercherò di fare tesoro delle preziose info messe a disposizione su questo sito per migliorare nella traduzione di questa stupenda lingua. Complimenti per i traguardi da te raggiunti! u_u

    1. Grazie mille per il tuo commento e benvenuto! Se è per questo, ti auguro anche di fare meglio di me, non credo di essere arrivata chissà dove, anche se mi reputo molto fortunata a poter lavorare con quello che amo 🙂
      Io ho iniziato l’università più tardi, a quasi 21 anni e ho fatto le corse per cercare di finire tutto il prima possibile. Se comunque riesci o hai modo di conciliare studio e lavoro, personalmente ti consiglierei di proseguire gli studi, o nel tuo ambito, oppure prendere una specializzazione/master in qualche altre settore per rendere il giapponese più “spendibile” (ovviamente in base alle tue passioni e inclinazioni). La cosa migliore, ovviamente, sarebbe quella di fare una bella esperienza in Giappone per maturare le competenze linguistiche (non so se già sei stato in Giappone e per quanto, parlo proprio in generale). Comunque non mollare mai, la strada è in salita e non è facile, ma con tenacia e un po’ di fortuna, sono sicura troverai la tua strada! 🙂
      In bocca al lupo per tutto, e ovviamente per qualunque consiglio sai dove trovarmi!

  2. Mi sono avvicinata alla cultura giapponese un po’ così, per caso.. assaggiamo il sushi! ? Ma Giappone non è solo questo! C’è un mondo straordinario dietro, scoperto anche grazie alla tua passione trasmessa su questo blog ricco di curiosità e foto colorate! Continua così! E tienici aggiornate!! Brava! Bravissima!!!! ????

    1. Ti ringrazio tanto Federica per le belle parole, sono felice di aver in qualche modo contribuito alla tua scoperta del Giappone! Grazie ancora, e cercherò di fare del mio meglio! 😀

  3. Complimenti di cuore,veramente interessante ho scoperto questo sito per caso in quanto sto cercando di dare un nome originale alla mia pagina web.
    Mi occupo di video nel mondo del wedding ed avendo il Giappone nel cuore,ho pensato di fare una cosa giusta intitolare il sito con un nome giapponese, purtroppo non ho idea di cosa mettere.

Lascia qui un commento :)