0 In Guida di viaggio/ Travel

Cosa fare a Nara

Nara, l’antica capitale del Giappone, è una cittadina meravigliosa, piena di bellezze che vale la pena scoprire in cui potersi immergere in un’atmosfera unica, che ci porta direttamente nel Giappone antico, un mondo distante da noi anni luce.

Nara la possiamo considerare la culla della civiltà giapponese classica, dove poter ammirare gli edifici in legno più antichi del paese, la statua gigante del Buddha, i famosi cervi che circolano liberamente per il suo grande parco, magnifici santuari immersi nella natura. Un vero e proprio concentrato di cultura tradizionale, un luogo pregno di cultura, tanto da essere diventato patrimonio dell’Umanità nel 1998.

Chi desidera scoprire il Giappone più classico, non può sicuramente prescindere da questa meta, che raccomando sempre a chiunque mi chieda consigli su un viaggio in Giappone. Quindi, durante il vostro soggiorno a Kyoto o Osaka, prendetevi una giornata (magari anche due, se riuscite) da dedicare a questa bellissima città, che dista 42 km a sud di Kyoto.

Nara è stata la prima capitale stabile del Giappone (nelle epoche precedenti, infatti, la capitale in Giappone veniva spostata continuamente) a partire dal 710 e fino al 784 con il nome di Heijōkyō, e fu costruita su modello di Chang’an, capitale cinese in epoca T‘ang.

Fu proprio in epoca Nara che in Giappone iniziò un periodo di assimilazione della cultura cinese che condusse all’introduzione del Buddhismo, e con esso della scrittura ideografica, insieme a un codice di leggi ispirato al codice T’ang, oltre alle prime opere storiografiche del Giappone, ovvero il Kojiki (che trovate anche in traduzione italiana, edito da Marsilio: Kojiki. Un racconto di antichi eventi, per la traduzione di P. Villani) e il Nihon Shoki.

Nara oltre a essere famosa per i suoi tesori storici, tra cui alcuni dei più importanti e famosi tempi di tutto il Giappone, è diventata nota anche per i suoi cervi: considerati sacri in quanto messaggeri degli Dei, essi si aggirano tranquilli (e famelici!) in giro per il parco e tra la folla di turisti e curiosi.

Cosa vedere a Nara

Scopriamo insieme quali sono i luoghi più belli da visitare a Nara. Qui infatti avrete soltanto l’imbarazzo della scelta in quanto ad attrattive e cose da fare.

Tōdaiji e il parco di Nara


 

Il Parco di Nara è una vasta riserva naturale di 500 ettari, che si trova ai piedi del monte Wakakusa; è stato istituito nel 1880.

All’interno del parco sono ospitati circa 1200 cervi (shika), che si muovono liberamente per il parco, inoltre qui si trovano i più importanti monumenti storici della città.

Il Tōdaiji 東大寺 è una delle attrazioni più gettonate non solo di Nara, ma dell’intero Giappone. Fondato nel 752, il tempio divenne talmente potente da costringere la corte imperiale a spostare la capitale a Nagaoka nel 784, per ridurne l’influenza.

Si accede al tempio attraverso la Nandaimon, la porta Nandai. La sala principale del tempio, il Daibutsuden, che ospita la grande statua di Buddha, è la costruzione in legno più grande al mondo, ed è stupefacente considerando che l’edificio attuale, ricostruito nel 1692, è solo due terzi della struttura originale, che tra l’altro includeva due pagode ai lati, all’epoca seconde in altezza solo alle Piramidi d’Egitto, andate distrutte a causa di un terremoto.

Il Daibutsu, cioè il grande Buddha di Nara, realizzato nell’VIII secolo, è una delle più grandi statue in bronzo del Giappone, raggiunge un altezza di quasi 15 metri e un peso di 500 tonnellate, un vero e proprio colosso!

Informazioni:

Orari di apertura Daibutsuden: 7.30-17.30 (da aprile a ottobre); 8.00-17.00 (da novembre a marzo)
Biglietto di ingresso: 600 Yen

Kōfukuji


Il tempio Kōfukuji 興福寺 fu realizzato nello stesso anno in cui Nara diventò capitale, ed apparteneva alla potente famiglia Fujiwara, il clan che di fatto ha detenuto il potere per tutto il periodo Nara e Heian (784-1182). Al culmine del potere dei Fujiwaea, il tempio contava ben 150 edifici.

Sono giunti ai giorni nostri soltanto alcuni di essi, come una pagoda a tre piani ed una a cinque piani.

L’accesso al tempio è gratuito, mentre per vedere il Museo del Tesoro Nazionale e la Sala Dorata orientale si deve pagare il biglietto).

Informazioni:

Orari di apertura: 9.00-17.00
Biglietto di ingresso: 700 Yen (Museo del Tesoro Nazionale); 300 Yen (Sala Dorata orientale): 900 Yen per entrambi.

Kasuga Taisha


Kasuga-taisha shrine in Nara 01
Il Kasuga Taisha 春日大社 è il principale, nonché più famoso, santuario shintoista della città di Nara. Si trova ai piedi del monte Kasuga, a nord di Nara, immerso nel verde di un’antica foresta.

Il santuario fu fondato lo stesso anno della città dalla potente famiglia dei Fujiwara, ed è dedicato alla divinità protettrice della città di Nara.

Al santuario si accede attraverso la Minaminon, porta del sud. Simbolo del Kasuga Taisha sono le 3000 lanterne in bronzo e pietra che in passato venivano accese ogni sera, creando un’atmosfera molto suggestiva. Le lanterne sono un dono dei visitatori e dei fedeli.

Informazioni:

Orari di apertura: 6.00-18.00 (da aprile a settembre); 6.30-17.00 (da ottobre a marzo)
Biglietto di ingresso: gratuito area esterna; 500 Yen (area interna)

Giardini Isuien e Yoshikien


Giardino Yoshikien

Il giardino Isuien si trova vicino al TodaiJi, è un giardino bellissimo, famoso per l’utilizzo della tecnica dello shakkei, cioè il “paesaggio in prestito”, con l’uso del panorama offerto dal tetto del Todaiji, e del monte Wakakusa.

Il giardino si divide in due parti, e vi si trovano diverse case da tè al suo interno. Il biglietto d’ingresso è di 900 Yen.

Lo Yoshikien è situato a poca distanza dall’Isuien, da cui è separato solo dal fiume Yoshikigawa, al quale deve il suo nome. Qui l’accesso è gratuito per gli stranieri.

Il giardino si caratterizza per essere realizzato in tre stili diversi: un giardino con laghetto, un giardino di muschio e un giardino per la cerimonia del tè.

Eventi a Nara


Due sono gli eventi più famosi di Nara, che vi consiglio di non perdere se vi trovate in Giappone in quei periodi.

Il primo è l’Omizutori 「お水取り」 che si svolge presso il Nigatsudō del Tōdaiji nel mese di marzo, dal 1 al 14; tra i diversi eventi, il più famoso e spettacolare è l’otaimatsu : appena dopo il tramonto delle torce giganti vengono trasportate sul balcone del Nigatsudō e sollevate sopra la folla.  Di solito sono 10 torce medie portate una dopo l’altra, e l’evento dura circa 20 minuti.

Immagine tratta da Nature Conservancy

L’altro evento da non perdere è il Wakakusa Yamayaki che si svolge l’ultimo sabato di gennaio presso il monte Wakakusa, le cui pendici in occasioni di questo festival vengono incendiate. L’evento clou, cioè l’incendio, che si può ammirare da tutto la città, è preceduto da uno spettacolo pirotecnico (che inizia alle ore 18.00).

Inoltre, due volte l’anno, il 3 febbraio, in occasione del setsubun, e il 14 e 15 agosto, in occasione dell’obon, vengono accese le lanterne del Santuario Kasuga Taisha, per un evento chiamato mantōrō (diecimila lanterne) molto suggestivo, che attira ogni volta moltissimi turisti.

Come Raggiungere Nara


I cervi di Nara

Nara si raggiunge facilmente da Kyoto in poco meno di un’ora. Se siete muniti del JR Pass, prendete la linea JR Nara dalla stazione di Kyoto e scendete alla stazione Nara, impiegherete circa 45 minuti (il costo del biglietto senza pass è di 710 yen).

In alternativa, potete utilizzare la linea privata Kintetsu: il treno limited express impiega circa 35 minuti per arrivare alla Stazione Kintetsu di Nara (il costo del biglietto è di 1,130 yen).

Le attrattive della città si trovano per la maggior parte all’interno del Parco di Nara, che potete raggiungere a piedi dalla stazione Kintetsu in 5 minuti, e dalla stazione JR in 15 minuti.

 

Potrebbero interessarti anche

Nessun Commento

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: