beautiful blonde babe fucks her pussy. red xxx
rajwap videos
2 In Travel

Inverno in Giappone #1: Shirakawago Light Up

Shirakawago, villaggio di Ogimachi. Foto tratta da Japan-guide.com

Quando penso all’inverno giapponese mi vengono in mente cieli tersi, il calore di una scodella di ramen fumante, una spessa coltre di neve e la splendida luce del sole d’inverno.

Non amo l’inverno, personalmente. Preferisco le soleggiate giornate primaverili, il caldo che ti penetra nelle ossa scongelando i rimasugli di freddo poggiati ancora sul nostro corpo, le giornate più lunghe, l’odore dei fiori che sbocciano. Eppure spesso mi sono ritrovata a viaggiare in inverno (sono ormai abituata ai viaggi in condizioni estreme: o gelo polare, o caldo asfissiante, le mezze misure non fanno per me evidentemente), e riguardando le vecchie foto mi colpisce ogni volta quella luce, quella delle belle giornate invernali, che sembra rivelare completamente il mondo intorno a noi, come se non ci fossero ombre. E il freddo diventa quasi impercettibile.

Pensando dunque a chi si accinge a fare un viaggio in Giappone in questa stagione (che personalmente mi sento di consigliare se potete), ho deciso di dedicarvi una serie di articoli di alcuni dei principali eventi che potreste trovare girando per il paese in questo periodo.

Le illuminazioni notturne di Shirakawago e Gokayama.

Illuminazione a Shirakawa-go. Foto tratta da japanican.com

Illuminazione a Shirakawa-go.
Foto tratta da japanican.com

Probabilmente li conoscere già, si tratta di due villaggi della prefettura di Gifu, adagiati tra le montagne. Sono famosi principalmente per le loro abitazioni tradizionali, i cosiddetti gassho-zukuri, letteralmente “costruiti con le mani a preghiera”. Il nome richiama la forma dei tetti a spiovente, che ricorda appunto quella delle mani giunte in preghiera, sviluppata con la finalità di far sopportare al tetto una gran quantità di neve. Proprio grazie a queste abitazioni tradizionali, alcune delle quali hanno più di 250 anni, i villaggi di Shirakawago e Gokayama sono stati annoverati tra i patrimoni UNESCO.

A Shirakawago il villaggio più grande, nonché attrazione principale è Ogimachi. Spesso nei tour viene inserita come tappa intermedia tra Takayama e Kanazawa, può essere anche una meta perfetta per una gita in giornata da Takayama, anche se sicuramente il modo migliore per godersi questo luogo incantato è trascorrerci la notte, quando la ressa di turisti va via e si può respirare un’atmosfera unica, alloggiando in una delle fattorie tradizionali convertite a minshuku (qui vi parlo della nostra esperienza a Shirakawago in estate).

Gassho-zukuri a Shirakawa-go. Immagine tratta da wikipedia.

Gassho-zukuri a Shirakawa-go.
Immagine tratta da wikipedia.

Durante la stagione invernale la regione è coperta da uno o due metri di neve, uno spettacolo per i turisti che si recano in questa zona. E per rendere questo scenario invernale ancora più unico, nel villaggio di Ogimachi vengono organizzati ogni anno eventi di illuminazione durante alcuni sabati e domeniche sere nei mesi di gennaio e febbraio, che attraggono sempre numerosi turisti. Durante questo evento la maggior parte dei gassho-zukuri sono illuminati dalle 17:30 alle 19:30, mentre l’intero villaggio è leggermente illuminato fino alle ore 22:00. Sicuramente il miglior punto per godere la vista dell’intero villaggio illuminato è il punto panoramico Shiroyama, raggiungibile solo a piedi, con una camminata di circa 15-20 minuti dal centro del villaggio. Attenzione perché il percorso può essere chiuso se il tempo è particolarmente brutto.

Ecco ora le date in cui sono previste le illuminazioni notturne (aggiornato al 2018):

21 gennaio 2018 (domenica)

28 gennaio 2018 (domenica)

4 febbraio 2018 (domenica)

12 febbraio 2018 (lunedì)

Trovate altre info a questa pagina. Se desiderate alloggiare in uno dei gassho-zukuri il mio consiglio è di prenotare il prima possibile, non è molto facile trovare posto, soprattutto nelle date di illuminazione. Qui trovate il mio racconto di viaggio: Shirakawago, la valle incantata.

E ora qualche info utile:

Per prenotare:
Per prenotare uno degli alloggi tradizionali a Shirakawago (Ogimachi) potete farlo tramite il sito sito Japanese Guest Houses. Sul sito Japanican, invece, trovate alcuni alloggi a Gokayama (villaggio Ainokura).

Come raggiungere la zona:
Nella zona di Shirakawago, il villaggio di Ogimachi è il punto principale da cui si snodano i vari collegamenti per gli altri villaggi. Ogimachi è raggiungibile in autobus da Takayama, da Kanazawa e da Nagoya. A questo utilissimo link del sito japan-guide.com trovate gli orari degli autobus. Raggiungere invece la zona di Gokayama, i villaggi Ainokura e Suganuma, è un po’ più difficile perché più isolata, in ogni caso è possibile tramite autobus partendo dal villaggio di Ogimachi. A questo link (sempre japan-guide.com) trovate la tabella con gli orari, potete prendere l’autobus dalla fermata Ogimachi.

Gokayama. Foto tratta da japanican.com

Gokayama.
Foto tratta da japanican.com

Costi dei collegamenti:
La tratta Takayama-Shirakawago costa 2,470 yen (4,420 yen a/r), al cambio attuale 19,33 €.
Shirakawago (Ogimachi) – Ainokura = 1,300 yen, al cambio attuale 10,17 €.
Shirakawago – Suganuma = 860 yen, al cambio attuale 6,73 €.

I collegamenti non sono coperti da Japan Rail Pass.

Allora, siete pronti ad affrontare l’inverno in Giappone? 😀

Potrebbero interessarti anche

2 Commenti

  • Avatar
    Reply
    sidilbradipo1
    Gennaio 19, 2016 at 12:30

    No! Ma i due villaggi sembrano magici, per la loro bellezza <3
    Bacio
    Sid

    • Avatar
      Reply
      Daniela
      Gennaio 20, 2016 at 12:20

      E’ vero, lo sono! <3 Se si riesce ad andare, vale sempre la pena una visita almeno a Shirakawago, in qualunque stagione! 🙂
      A presto

    Leave a Reply

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: