4 In Travel/ Usanze e curiosità

Inseguendo il fronte dei momiji

Will Ferguson nel suo Autostop con Buddha. Viaggio attraverso il Giappone ci racconta il suo lungo viaggio in autostop dal sud al nord del Giappone inseguendo il flusso di fioritura dei ciliegi, regalandoci in tono disincantato aneddoti e uno spaccato sull’umanità giapponese a tratti esilarante (a tratti invece un po’ irritante e supponente).
Io, non è un mistero, preferisco nettamente l’autunno con i suoi colori caldi e luminosi, rispetto ai freddi colori primaverili, o almeno, così li percepisco, forse perché trovo più ricca e vibrante la varietà di sfumature del rosso rispetto al tenue e pallido rosa dei sakura. E per me sarebbe un sogno realizzare il viaggio inverso rispetto a quello compiuto da Ferguson: da nord al sud, inseguendo le tracce rossastre lasciate dai momiji (紅葉) in giro per il paese.

Foto tratta da daigoji.or.jp

Foto tratta da daigoji.or.jp

Si chiama momijigari 紅葉狩, letteralmente la caccia (kari) all’acero (momiji), la versione autunnale del più celebre hanami, che in questo caso riguarda la contemplazione dei colori autunnali, cioè kōyō (紅葉) che forse avrete notato si scrive esattamente come momiji, e indica la tinta rossa delle foglie in autunno. Il periodo del kōyō inizia già da fine settembre, quando il colore delle foglie inizia pian piano a mutare nelle zone più a nord del paese, per poi estendersi fino a fine novembre-inizio dicembre, quando il fronte dei momiji raggiunge infine il sud del paese.

Quindi, i colori autunnali sono presenti nelle varie zone del Giappone per quasi tre mesi, il che rende anche più semplice progettare un viaggio in Giappone in questo periodo, dal momento che avremo maggiori possibilità di trovare gli aceri tinti di rosso, soprattutto se ci spostiamo tra diverse zone del paese. Sicuramente molto più semplice dell’azzeccare la piena fioritura dei ciliegi, estremamente variabile in base alle condizioni climatiche e molto più effimera, dal momento che dura solo un paio di settimane (e d’altra parte, il fascino dei fiori di ciliegio è proprio nella loro caducità).

Tratta da japan-guide.com

Tratta da japan-guide.com

Questa utilissima mappa ci dà l’idea dell’evoluzione dei colori autunnali in Giappone, permettendoci di avere un’idea di massima di quali città troveremo tinte di rosso nel periodo che ci interessa. C’è da considerare che Tokyo e Kyoto raggiungono il momento migliore intorno alla metà di novembre, mentre a Nikko, per esempio, l’apice si raggiunge già verso la metà di ottobre.

Ma quali sono gli alberi che possiamo ammirare in questo periodo?

Be’, ovviamente il re dei colori autunnali è l’acero rosso giapponese, che si può ammirare sia allo stato selvatico nelle foreste che coltivato, e per questo sono così diffusi in tutto il paese. Tendenzialmente il loro colore cambia prima in giallo, poi arancio, per poi mutare infine in uno spettacolare rosso acceso.

acero

Foglie di momiji, l’acero giapponese

Ma l’altro protagonista assoluto dell’autunno giapponese è il ginkgo (ichō 銀杏), le cui foglie invece tendono a una tonalità di giallo oro intenso. Anche i ginkgo sono diffusissimi nelle città, in particolare a Tokyo, che l’ha scelto come sue albero simbolo.

Foglie di ginkgo

Foglie di ginkgo

A questo punto, non ci rimane che scoprire dove è possibile contemplare i colori autunnali in tutto il loro splendore. Come dicevo, molto dipende dal periodo in cui viaggiate, sicuramente se vi spostate da metà novembre in poi avrete maggiori possibilità di ammirare la bellezza degli aceri anche nelle città di Tokyo e Kyoto, in particolare ci sono alcuni luoghi che sono dei veri e propri must see in questo periodo, tra cui…

A Tokyo e dintorni:

  • La Ginkgo Avenue a Tokyo (銀杏並木 Ichō Namiki), una via piena di bellissimi ginkgo;
  • Il Koishikawa Korakuen, uno dei giardini più antichi di Tokyo, risalente all’epoca Edo;
  • Il Monte Takao, a ovest di Tokyo;
  • Nikko.
Koishikawa Korakuen a Tokyo - tratta da japan-guide.com

Koishikawa Korakuen a Tokyo – tratta da japan-guide.com

A Kyoto e dintorni:

  • La bellissima zona di Arashiyama, a ovest di Kyoto.
  • Il Kiyomizudera;
  • La villa imperiale Shugakuin.
Giardino della Villa Shugakuin - immagine tratta da japan-guide.com

Giardino della Villa Shugakuin – tratta da japan-guide.com

Nella zona di Osaka:

  • Il parco di Minoo, valle boscosa alla periferia di Osaka, a nord della città.
Minoo National Park - tratta da japan-guide.com

Minoo National Park – tratta da japan-guide.com

Quest’autunno speravo tanto di poter tornare in Giappone e passare le mie giornate a naso in su a scorgere il bellissimo foliage autunnale ammirando il gioco di luce e colori del komorebi 木漏れ日, e poi, soprattutto, ma quanta soddisfazione dà far scricchiolare le foglie secche sotto i piedi? (un gioco che mi porto dietro dall’infanzia, che volete farci mi diverto con poco io), ma temo se ne riparlerà almeno per il prossimo anno. Mi accontento dei colori d’autunno a Roma, che anche senza momiji danno comunque soddisfazioni, e le foglie secche, be’ quelle le trovo ovunque, per fortuna! 🙂
E per chi ama i colori dell’autunno giapponese, si possono sempre sfogliare le pagine dell’Autumn Color Report 2014, sul sempre utile Japan Guide.

Potrebbero interessarti anche

4 Commenti

  • Reply
    ciccola
    Ottobre 24, 2014 at 20:11

    Il rosso è il mio colore preferito, ecco perché sono così affascinata dai colori autunnali!
    Mi hai convinta, se tornerò in Giappone dovrò farlo in questa stagione. Sarebbe bellissimo fare un viaggio così (ma non avrei mai la faccia tosta di spostarmi con l’autostop, sono troppo timida ^_^).

    • Reply
      Daniela
      Ottobre 28, 2014 at 14:02

      Sì, anche io sono un’amante del rosso (e dei colori autunnali!).
      Ahhh, felice di averti convinta allora, e non preoccuparti, penso che neanche io riuscirei a fare l’autostop!! 😛

  • Reply
    A spasso per i giardini di Tokyo | Tradurre il Giappone
    Novembre 3, 2015 at 13:55

    […] alberi di ciliegio ed un giardino di peonie, e sebbene non sia tra i giardini più famosi per il momijigari, c’è anche una buona concentrazione di aceri e gingko, che rende questo bellissimo giardino […]

  • Reply
    Ottobre e novembre in Giappone: gli eventi da non perdere
    Ottobre 11, 2018 at 13:54

    […] Momijigari in Giappone […]

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: