beautiful blonde babe fucks her pussy. red xxx
rajwap videos
9 In Tradizioni e feste

Festività giapponesi: Kodomo no hi – la festa dei bambini

Buongiorno, sapete che giorno è oggi? Oggi in Giapponese è festa nazionale: si festeggia il kodomo no hi (il giorno dei bambini) 子供の日, in origine chiamato tango no sekku 端午の節句, che veniva festeggiato il quinto giorno del quinto mese secondo l’antico calendario lunare, ed era il giorno che segnava l’inizio dell’estate e della stagione delle piogge. La festa è un’occasione per esprimere gratitudine per la crescita in salute dei ragazzi e di preghiera e per preservarli dalle malattie e dalle influenze negative. La Festa dei Bambini, che dall’epoca Edo (1603-1868) è diventata una delle feste più importanti dell’anno per le famiglie, trae origine dalle antiche tradizioni rurali: maggio, infatti, è il mese in cui gli insetti fanno le loro prime apparizioni danneggiando le piante e, a partire dai primi giorni del mese, i contadini, sin dai tempi antichi, cercavano di scacciare i fastidiosi insetti spaventandoli con striscioni coloratissimi e figure grottesche. Tradizioni di questa festività sono l’esposizione di bambole di guerrieri, i kabuto ningyo, equipaggiate con elmo e armatura, e il famoso koinobori, le carpe di carta appese a dei pennoni che si fanno ondeggiare nel cielo. In origine, le bambole guerriere, con le loro armi in miniatura – spade, elmi, archi e frecce – e gli striscioni venivano esposti per imprimere sui ragazzi lo spirito dei samurai. Ma, con la fine del feudalesimo, la festa perse il suo significato militaresco.

Koinobori - immagine tratta da web-japan.org

Koinobori – immagine tratta da web-japan.org

Perché si fanno ondeggiare le carpe? La carpa è considerato uno dei pesci più virtuosi per la sua capacità di risalire i torrenti ed è simbolo di tenacia (secondo una leggenda cinese, la carpa che nuota controcorrente si trasforma in drago). Così, come le carpe nuotano controcorrente, allo stesso modoi koinobori “nuotano” controvento, e costituiscono un augurio per i bambini, affinché crescano tenaci e robusti come le carpe. La carpa nera (magoi) simboleggia il padre, la carpa rossa (higoi) rappresenta la madre e l’ultima carpa rappresenta il figlio: per ogni figlio in più, viene aggiunta una carpa di un colore diverso, ma di solito vengono appese solo le prime tre. In molte regioni c’è l’usanza di far passare i ragazzi all’interno delle carpe di carta, dalla bocca alla coda, come gesto portafortuna.

Immagine tratta da koinobori-japan.jp

Immagine tratta da koinobori-japan.jp

Come si festeggia la giornata dei bambini?

Kashiwamochi: dolci tradizionali della festa dei bambini

Come tradizione, si usa preparare i kashiwamochi, cioè dolci di riso farciti con marmellata di fagioli azuki avvolti in foglie di quercia, che poi vengono distribuiti tra amici e vicini, e i chimaki (dolcetti di riso avvolti in foglie di bambù), che invece vengono mangiati in famiglia. Secondo una tradizione più antica, ai ragazzi veniva fatto il bagno mettendo nell’acqua dei petali di iris: si riteneva, infatti, che questi petali avessero la capacità di espellere malattie e influssi malefici. Petali di iris venivano posti anche sui tetti delle case durante il giorno della festa. Ancora oggi, alcune case di contadini hanno piante di iris sui tetti, per preservare le famiglie dalle malattie.

La Festa dei Bambini rientra nel lungo periodo di festività giapponesi chiamato Golden Week, di fatto il più lungo periodo di vacanza dell’anno per i lavoratori giapponesi. Questo è l’elenco delle festività della Golden Week:

  • 29 aprile Showa day 昭和の日
  • 3 maggio Festa della Costituzione 憲法記念日
  • 4 maggio Festa del Verde みどりの日
  • 5 maggio Festa dei Bambini こどもの日

Buona festa dei bambini a tutti! ^_^

Potrebbero interessarti anche

9 Commenti

  • Avatar
    Reply
    ciccola
    Maggio 6, 2014 at 18:07

    Ottima spiegazione! Mi piacerebbe tanto metterne una sul balcone, ma sono introvabili (almeno qui). Non tanto per la festa quanto perché mi piacciono tantissimo ^_^

  • Avatar
    Reply
    Filippo
    Maggio 13, 2014 at 19:33

    Complimenti per il post Daniela e soprattutto per il tuo sito, davvero interessante.
    Anche io sono molto affezionato a questa festa ed ho avuto la fortuna di trovare i koinobori proprio a Modena, nell’ambito di una fiera a tema che si svolge ogni anno a gennaio. Fra gli espositori ce n’era uno specializzato in kimono, yukata ed altri oggetti tradizionali nipponici. Non me li sono lasciati sfuggire e ad inizio maggio, sventolano regolarmente sul nostro balcone … Se vi va di dare un’occhiata, ne ho parlato qui, sul mio blog:
    http://shiawa.blogspot.it/2014/05/kodomo-no-hi.html
    Ciao

    • Avatar
      Reply
      Daniela
      Maggio 14, 2014 at 10:29

      Ti ringrazio molto Filippo, e benvenuto da queste parti.
      Ho visto la foto dei tuoi koinobori, bellissimi! ^^
      Sì, fiere e mercatini sono ottime occasioni per trovare oggetti che altrimenti non sono di facile reperibilità 🙂 ottimo acquisto!
      A presto allora, e grazie per la visita 🙂

  • Reply
    Festività giapponesi: showa no hi e golden week | Tradurre il Giappone
    Aprile 28, 2015 at 16:13

    […] Infine, i festeggiamenti della Golden Week si chiudono il 5 Maggio, con la giornata dei bambini (kodomo no hi) 「こどもの日」, un giorno speciale dedicato ai bambini in cui si prega per la sana e robusta crescita dei ragazzi. Se ricordate ve ne ho già parlato in questo post dedicato alla Festa dei bambini […]

  • Reply
    Il capodanno del giorno 7 in Giappone | Tradurre il Giappone
    Gennaio 7, 2016 at 12:13

    […] quinto giorno del quinto mese (05/05) = la festa dei bambini , kodomo no hi o tango no […]

  • Reply
    Hina matsuri, la festa delle bambine | Tradurre il Giappone
    Marzo 3, 2017 at 08:30

    […] tratta di una festa parallela a quella dei bambini (Kodomo no hi) che si celebra il 5° giorno del 5° mese, al momento del trapianto del riso. È una ricorrenza […]

  • Reply
    #3cose giapponesi di maggio | Tradurre il Giappone
    Maggio 29, 2018 at 12:10

    […]  l’inizio dell’estate, e coincide con il 6 maggio, il giorno dopo la festa dei bambini, conosciuta anche col nome di tango no sekku 『端午の節句』, una festa che si celebra il […]

  • Leave a Reply

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: