2 In Projects

Tweet your hanami – 2° edizione

sakurandom

Avete impegni questo fine settimana? Festeggiamo insieme la fioritura dei ciliegi con Tweet your Hanami, iniziativa nata lo scorso anno da un gruppo di blogger per condividere su blog e social network immagini, post, pensieri legati alla fioritura del sakura e alla tradizionale usanza giapponese dello hanami.

Siete tutti invitati a partecipare, condividete le vostre foto, disegni, pensieri, poesie e tutto quello che volete legato ai fiori di ciliegio e alla primavera utilizzando l’hashtag #sakurandom. Per l’occasione, come avrete notato, la mia pagina si è tinta di rosa 🙂

Partecipano a questa iniziativa:

Biblioteca giapponese
Moustaches
Nihon almost a love story
Wander in Japan
Giappone per tutti
Orizzonti
Viaggiappone

Questa invece la board di Pinterest dedicata all’evento.

Ma cos’è lo hanami?

Hanami significa letteralmente “osservare i fiori” (da hana 花= fiori e mi 見= guardare) ed è una bellissima tradizione giapponese volta a celebrare la primavera e la fioritura dei sakura 桜, i fiori di ciliegio. Sicuramente è tra gli eventi più sentiti in Giappone nel periodo primaverile.

Fioritura al parco di Ueno, Tokyo.  Foto tratta da www.japan-guide.com

Fioritura al parco di Ueno, Tokyo.
Foto tratta da www.japan-guide.com

Questa usanza ha origini piuttosto antiche. Infatti, sembra che una prima forma di “contemplazione dei fiori” sia nata in epoca Nara (710-794), come tradizione importata dalla Cina dei Tang, ma all’inizio ad essere ammirati erano i fiori di pruno, gli ume (梅) Tuttavia, a partire dall’epoca Heian (794-1185) furono i fiori di sakura a diventare il principale oggetto di contemplazione, tanto da divenire i fiori più celebrati durante il periodo dello hanami.
L’imperatore Saga fece nascere questa tradizione cominciando a tenere feste e balli sotto gli alberi di ciliegio piantati nel giardino del palazzo della Corte Imperiale a Kyoto. A quell’epoca lo hanami era ancora un evento riservato all’aristocrazia di corte. In epoca Azuchi-Momoyama (1568-1600) queste feste divennero ancora più popolari, finché in epoca Edo (1600-1868) questa ricorrenza si diffuse anche tra la gente comune, che festeggiava bevendo sakè e mangiando all’ombra dei sakura in fiore.

Ancora oggi è una tradizione molto sentita, con gruppi di amici, studenti e impiegati che organizzano picnic e feste attorno a questi bellissimi alberi in fiore, feste che talvolta si protraggono fino a sera. L’importanza e la diffusione di questa tradizione è sottolineata dall’esistenza di un apposito servizio meteorologico, per prevedere l’avanzamento del sakurazensen (桜前線), cioè del fronte di fioritura dei ciliegi, monitorando la fioritura dalla comparsa dei primi boccioli, fino al momento di fioritura massima: si comincia circa da metà gennaio, quando fioriscono i sakura di Okinawa, fino ad arrivare a inizio di maggio, con la fioritura in Hokkaido.

Se volete saperne di più sulla fioritura, vi rimando a questo mio vecchio post dedicato allo hanami e alla fioritura dei ciliegi.

Buona fioritura e buon hanami, reale e virtuale, a tutti! ^_^

Potrebbero interessarti anche

2 Commenti

  • Reply
    #Sakurandom 2015: tutti pronti per fare hanami? |
    Mar 18, 2015 at 08:56

    […] trovate la board Pinterest dedicata all’evento; qui, qui e qui gli articoli dedicati allo hanami virtuale degli anni […]

  • Reply
    3 cose per il vostro hanami | Tradurre il Giappone
    Giu 11, 2015 at 15:30

    […] Le tre cose che non possono mancare per un perfetto hanami: […]

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: