7 In Cultura e lifestyle/ Tradizioni e feste

3 matsuri invernali da non perdere!

Stiamo andando incontro al periodo più freddo dell’anno, manca ancora un po’ al tepore e ai colori primaverili, ma in Giappone, come saprete, c’è da sempre una forte sensibilità nei confronti della natura e dei suoi mutamenti stagionali. In inverno, in particolare nel mese di febbraio è possibile assistere ad alcuni bellissimi matsuri tipici di questa stagione, oggi per la rubrica #3cosegiapponesi ve ne propongo tre da non perdere assolutamente:

1. Yuki Matsuri – Festival della neve a Sapporo 札幌雪祭り [5-12 febbraio]

Snow-Sculpture-of-Japanese-Castle-in-Odori-Park-Hokkaido-Sapporo-Japan

Si tratta sicuramente del matsuri più famoso ed importante della stagione invernale in Giappone, che attrae milioni di visitatori. Tradizione nata nel 1950, da allora si svolge ogni anno a inizio febbraio e dura 6-7 giorni; fulcro del matsuri sono le gigantesche e bellissime sculture di ghiaccio e neve curate fin nei minimi particolari. Le sculture di neve si possono ammirare al parco Ōdōri, lungo la strada principale di Susukino e presso il Sapporo Community Dome. Quest’anno si svolge dal 5 all’11 febbraio. Per avere informazioni più dettagliate, potete consultare questo sito (in inglese).

2. Setsubun Matsuri 節分 [3 febbraio]

setubun

Il Setsubun (節分) viene festeggiato in tutto il Giappone, in quanto si tratta una giornata molto importante, che segna la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, secondo l’antico calendario lunare. Letteralmente significa divisione (Bun 分) delle stagioni (Setsu 節): nel corso dell’anno ci sono vari setsubun, ma quello che si festeggia ancora oggi con cerimonie e riti di purificazione è il Risshhun (立春), cioè il primo giorno di primavera, e inizio del nuovo anno.setsubun
Il setsubun di primavera viene celebrato ogni anno il 3 o il 4 febbraio (quest’anno cade il 3 febbraio), il giorno prima del risshun. In questa giornata si celebrano riti di purificazione con lo scopo di scacciare il male e le negatività prima dell’inizio della primavera e del nuovo anno. Al giorno d’oggi il rito che viene praticato nei principali templi delle diverse città e nelle famiglie è mamemaki (豆撒き), cioè il lancio dei fagioli di soia, volto a scacciare i demoni. Il lancio viene di solito accompagnato da questa frase: “Oni wa soto! Fuku wa uchi!”  che significa “Demoni fuori! Fortuna dentro!”. Dopo questo rito, ognuno dovrebbe mangiare tanti fagioli quanti sono i propri anni. Inoltre, la notte del 3 febbraio, sempre al fine di allontanare gli spiriti maligni e i demoni, si festeggia l’Obake (お化け, spirito, fantasma), una sorta di Halloween giapponese in cui tutte le regole vengono sovvertite e tutti si mascherano, così da confondere gli spiriti maligni: gli uomini si vestono donne, le donne da uomini, donne anziane indossano il furisode (il kimono dalle lunghe maniche, indossato dalle ragazze) e niente è come sembra.
Infine, sempre nell’ambito dei festeggiamenti per il setsubun, assolutamente da non perdere è il Setsubun Mantōrō (節分万燈籠), cioè il festival delle Lanterne al Kasuga Taisha di Nara, quando le 3 000 lanterne del tempio vengono illuminate dalle 18.30 alle 21.00, per uno spettaccolo molto suggestivo. L’accensione delle lanterne viene ripetuta anche per l’Obon (14-15 agosto).

nara festival

3. Hadaka matsuri a Okayama 裸祭り [15 febbraio]

Naked+Festival

Ogni terzo sabato di febbraio si festeggia questo particolare matsuri presso il Saidaiji, nella città di Okayama, dove 500 anni fa è nata questa tradizione. Letteralmente significa “festival del nudo”, e infatti i partecipanti non indossano praticamente nulla, a parte il tradizionale perizoma giapponese, il fundoshi (a volte, neppure quello). Al rito partecipano ogni anno quasi 10 000 uomini, i quali, dopo aver ricevuto la purificazione dell’acqua, ingaggiano una vera e propria battaglia per la conquista dei due shingi (bastoncini di legno sacri) lanciati dai preti sulla folla. Chi riesce a prenderli e a infilarli in un contenitore di legno pieno di riso chiamato masu, sarà il fukuotoko, cioè l’uomo fortunato dell’anno.

Se avete l’occasione di andare in Giappone in questo periodo, non mancate di assistere a uno di questi bellissimi matsuri. Alla prossima ^^

Potrebbero interessarti anche

7 Commenti

  • Reply
    Elena
    gennaio 22, 2014 at 16:23

    Lo Yuki Matsuri di Sapporo prima o poi dovrò vederlo, purtroppo anche facendo base in Giappone l’Hokkaido è costoso da raggiungere e da esplorare. Che bello che deve essere però, sia d’inverno con tutta quella neve che d’estate, pieno di colori!

    Per il Setsubun ci sono tantissimi eventi dappertutto, c’è davvero l’imbarazzo della scelta se ci si trova in Giappone in quel periodo.

    • Reply
      Daniela
      gennaio 23, 2014 at 14:11

      Lo Yuki Matsuri spero tanto anche io di riuscirlo a vedere, prima o poi 🙂
      Il setsubun in effetti mi ero dimenticata di specificare che si svolge un po’ ovunque, alla fine è sempre uno spettacolo! ^^

  • Reply
    Matteo
    gennaio 24, 2014 at 15:12

    Grazie al tuo articolo ho capito a quale matsuri partecipare…. Okayama arrivooooooo!!!!!;-)

  • Reply
    Oni giapponesi: modi di dire e folkloreTradurre il Giappone
    gennaio 28, 2014 at 12:12

    […] le divinità della peste e di altre epidemie. Vi ricorda qualcosa? Esatto, stiamo parlando del setsubun che si svolge il 3 febbraio e del rito del lancio di fagioli che a partire dall’epoca […]

  • Reply
    Matsuri di primavera | Tradurre il Giappone
    aprile 14, 2014 at 16:22

    […] di matsuri 祭り. Se ricordate in passato vi ho già parlato dei matsuri estivi e di quelli invernali, a questo punto non ci restano che quelli primaverili, che vedremo ora, e quelli autunnali, […]

  • Reply
    Estate in Giappone | Tradurre il Giappone
    giugno 21, 2014 at 12:20

    […] Oggi inizia ufficialmente l’estate, è il giorno del solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno, in giapponese geshi 夏至. Ma l’estate in Giappone, secondo l’antico calendario lunare inizia molto prima, nel quinto mese dell’anno che è uno dei periodi più importanti, cioè quello del trapianto del riso, a cui erano rivolti moltissimi rituali nella vecchia società giapponese fondata essenzialmente sull’agricoltura. Sto parlando del setsubun d’estate, chiamato rikka 立夏, che si svolge tradizionalmente il 5 o 6 maggio, anche se ormai non viene più festeggiato (ricordate? L’unico setsubun che si festeggia al giorno d’oggi è quello di primavera). […]

  • Reply
    Matsuri autunnali in Giappone | Tradurre il Giappone
    ottobre 15, 2014 at 15:51

    […] dopo avervi diffusamente parlato dei matsuri estivi, invernali e primaverili (rispettivamente qui, qui e qui), è finalmente giunto il momento di scoprire i festival e gli eventi dell’autunno. Chi […]

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: