About me Chi sono

Scopri la lingua giapponese Lingua e traduzione

Tradizioni e usanze dal Giappone Cultura & Lifestyle

    0 In Guida di viaggio/ Travel

    Cosa fare a Nara

    Nara, l’antica capitale del Giappone, è una cittadina meravigliosa, piena di bellezze che vale la pena scoprire in cui potersi immergere in un’atmosfera unica, che ci porta direttamente nel Giappone antico, un mondo distante da noi anni luce.

    Nara la possiamo considerare la culla della civiltà giapponese classica, dove poter ammirare gli edifici in legno più antichi del paese, la statua gigante del Buddha, i famosi cervi che circolano liberamente per il suo grande parco, magnifici santuari immersi nella natura. Un vero e proprio concentrato di cultura tradizionale, un luogo pregno di cultura, tanto da essere diventato patrimonio dell’Umanità nel 1998.

    Chi desidera scoprire il Giappone più classico, non può sicuramente prescindere da questa meta, che raccomando sempre a chiunque mi chieda consigli su un viaggio in Giappone. Quindi, durante il vostro soggiorno a Kyoto o Osaka, prendetevi una giornata (magari anche due, se riuscite) da dedicare a questa bellissima città, che dista 42 km a sud di Kyoto.

    Nara è stata la prima capitale stabile del Giappone (nelle epoche precedenti, infatti, la capitale in Giappone veniva spostata continuamente) a partire dal 710 e fino al 784 con il nome di Heijōkyō, e fu costruita su modello di Chang’an, capitale cinese in epoca T‘ang.

    Fu proprio in epoca Nara che in Giappone iniziò un periodo di assimilazione della cultura cinese che condusse all’introduzione del Buddhismo, e con esso della scrittura ideografica, insieme a un codice di leggi ispirato al codice T’ang, oltre alle prime opere storiografiche del Giappone, ovvero il Kojiki (che trovate anche in traduzione italiana, edito da Marsilio: Kojiki. Un racconto di antichi eventi, per la traduzione di P. Villani) e il Nihon Shoki.

    Nara oltre a essere famosa per i suoi tesori storici, tra cui alcuni dei più importanti e famosi tempi di tutto il Giappone, è diventata nota anche per i suoi cervi: considerati sacri in quanto messaggeri degli Dei, essi si aggirano tranquilli (e famelici!) in giro per il parco e tra la folla di turisti e curiosi.

    Continue Reading →